Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

SLI 2021 | Michele Sganga | Liszt e Dante

Data:

21/10/2021


SLI 2021 | Michele Sganga | Liszt e Dante

Come Delacroix, nel suo celebre disegno, immaginò Chopin nelle sembianze di Dante, ugualmente avrebbe potuto ritrarre Franz Liszt, musicista tra i più letterari, pittorici e religiosi della storia europea. Le due composizioni esplicitamente dantesche di Franz Liszt, Dante-Symphonie e Dante Sonata sono anche espressione del suo profondo "italianismo". Ne parlerà, in occasione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, il pianista e compositore Michele Sganga anche attraverso alcuni esempi al pianoforte.

Michele Sganga Diplomato con lode in pianoforte al Conservatorio di "Santa Cecilia", vi ha proseguito anche gli studi di composizione, laureandosi inoltre in Storia della musica alla "Sapienza" di Roma. Ha al suo attivo pubblicazioni su Chopin, Rossini, Nono, Tarkovskij, e testi divulgativi sull’opera lirica. Fra le produzioni recenti, i due album solisti Animale Musicale - Biodiversità al pianoforte e Le ragioni del canto: Franz Liszt, la colonna sonora del documentario Il testimone passato (Rai Storia 2015) e, nel 2020, il nuovo album di musiche originali per piano solo: Canzoni senza parole, per l’etichetta LUMI Edizioni Musicali; e la partecipazione, con un suo arrangiamento originale per pianoforte, al film Extraliscio. Punk da balera - Si ballerà finché entra la luce dell’alba, di Elisabetta Sgarbi, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2019, su commissione dell'University College London, ha composto una colonna sonora originale per il Caio Giulio Cesare di Enrico Guazzoni, per la cui esecuzione è stato invitato anche a Los Angeles dall’Università della California (UCLA).

Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Informazioni

Data: Gio 21 Ott 2021

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Varsavia

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Varsavia | Włoski Instytut Kultury w Warszawie

Autore:

Paolo Gesumunno

1788