Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Italian Design Day | La qualità del “Made in Italy”: di cosa è fatto il design italiano? | Incontro con l’architetto Riccardo Balbo

Qualità del Design: quale significato, quale implicazione, quale costo, quale limite? Aspetti materiali e immateriali, tecnici e etici concorrono alla continua rigenerazione di un “orizzonte problematico del progetto” che ha visto la sua prima forma all’inizio degli anni 50: non solo linguaggi e forme, ma parsimonia, tradizione, ironia, sostenibilità, produzione e imprenditorialità, per una cultura del progetto di qualità.

E’ prevista la traduzione simultanea dell’incontro

Architetto, Dottore di ricerca in Teoria e costruzione dell’architettura, Riccardo Balbo è Chief Academic Officer e Direttore Accademico del Gruppo IED, nonché Presidente della Fondazione Francesco Morelli, Ente proprietario dell’Istituto Europeo di Design. È inoltre esperto ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca) per la valutazione del sistema AFAM e National Foreign Expert per il Governo della Repubblica Popolare Cinese, società di consulenza e istituzioni.

Direttore IED Torino fino al 2017, dal 2008 al 2013 ha diretto i Master in Urban Design and Regeneration e in Digital Architectural Design presso la School of the Built Environment (SOBE) della University of Salford (UK), dove ha partecipato alla fondazione del gruppo di ricerca MIND (Mediated Intelligence in Design).

Ha fatto parte del Centro di Ricerca e Documentazione in tecnologia, architettura e città nei PVS (Politecnico Torino), membro dell’istituto di ricerca ICT in Construction (SOBE/Salford) e di TSC – Trasmettere la Città Sostenibile (Fondazione Ordine Architetti Torino), consulente per la Fondazione Ordine Architetti Torino.

Ha insegnato Morfologia urbana, Strumenti digitali e progettazione, Progettazione architettonica e Progettazione urbana presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Dal 1992 al 2010 ha gestito il proprio studio di architettura, lavorando sia con il settore pubblico che con quello privato. Le parole chiave della sua ricerca sono: progettazione architettonica digitale, innovazione guidata dal design, educazione al design, conoscenza e creatività, rigenerazione urbana, riqualificazione urbana, smart city

 

Prenotazione non più disponibile